fbpx

Variazione orari agosto 2021

Implantologia dentale: ripristinare i denti mancanti, avvalendosi di tecnologie all'avanguardia

L’implantologia dentale è una procedura di riabilitazione di alto valore estetico rivolta a chi, per vari motivi, ha perso i denti naturali.

Cos’è l’implantologia dentale?

L’implantologia dentale è una branca dell’odontoiatria che ha l’obiettivo di ripristinare i denti mancanti mediante l’inserimento di radici artificiali in titanio (impianti dentali).
In sostanza, l’implantologia è una procedura di riabilitazione rivolta a chi ha perso i denti naturali.

I denti artificiali sono concepiti per sostituire i denti veri ma mancanti sia nell’estetica che nella funzione masticatoria.
Le tecniche di implantologia dentaria all’avanguardia, come quelle praticate nelle cliniche dentali OdontoSalute, permettono una riabilitazione permanente della masticazione ed evitano i fastidi legati all’utilizzo di protesi mobili, assicurando un risultato estetico pari a quello dei denti naturali.

Perdita dei denti: le cause

Le cause di perdita dei denti possono essere molteplici:

  • traumi meccanici di varia natura;
  • carie profonda;
  • malattie parodontali;
  • altre patologie del cavo orale.

La perdita di uno o più denti causa la riduzione della funzione masticatoria che, a sua volta, provoca una lenta perdita di massa e densità del tessuto osseo.

Tecniche di implantologia dentale: la pianificazione computer guidata

A seguito della perdita di un dente, grazie all’implantologia dentale, è possibile ricorrere a varie soluzioni:

  • protesi mobili parziali o totali
  • ponti su denti naturali
  • riabilitazione con impianto dentale

Durante la prima visita, il dentista specializzato (implantologo) illustra al paziente un piano di trattamento idoneo.
L’implantologo esegue una valutazione diagnostica accurata, avvalendosi di esami diagnostici come radiografie, ortopantomografie e TAC Digitali Dental Scan (3D).

Prima dell’intervento di implantologia dentale, per garantire il miglior esito dell’operazione, l’implantologo predispone una pianificazione computer guidata da usare nel corso del posizionamento dell’impianto.
La pianificazione computer guidata è uno strumento particolarmente utile nell’ambito dell’implantologia dentale, perché aumenta la precisione dell’inserimento dell’impianto e riduce l’invasività chirurgica dell’intervento, a beneficio del paziente.

Tempi di integrazione dell'impianto e tempi di guarigione

L’intervento di implantologia dentale consiste nel posizionamento di un impianto dentale in titanio integrato nell’osso dell’arcata dentale interessata (implantologia osteointegrata).
Il risultato è un legame stabile tra osso e impianto dentale che permette di sopportare carichi masticatori elevati.

L’impianto viene lasciato all’interno dell’osso e della gengiva per il tempo necessario all’osteointegrazione: il paziente non vedrà alcuna differenza all’interno della propria bocca.
Di solito, il tempo d’integrazione dell’impianto varia in funzione dell’osso interessato: mascellare (4-6 mesi); mandibolare (3-4 mesi).
I tempi di guarigione vengono stimati dall’implantologo, considerando anche i fattori che potrebbero rallentare l’osteointegrazione.

In alcuni casi, è possibile effettuare il posizionamento dell’impianto dentale, senza incidere la gengiva. Questa tecnica permette di ridurre al minimo il traumatismo chirurgico dell’intervento, accorciando anche i tempi di guarigione.

Dopo il periodo di osteointegrazione, viene eseguita la scopertura dell’impianto.
Si tratta di un piccolo intervento da praticare prima di iniziare la fase finale di realizzazione del nuovo dente.
La scopertura dell’impianto ne espone la testa nel cavo orale, attraverso l’uso di viti di guarigione che servono per adattare la gengiva.

Un'esempio di impianti dentali

Implantologia dentale: fa male?

Normalmente, l’intervento di implantologia viene eseguito in ambulatorio e richiede la somministrazione di anestesia locale.
Su richiesta dal paziente, l’intervento può essere effettuato anche in sedazione analgesica cosciente.
In ogni caso, nel corso dell’operazione, il paziente non prova dolore.

La sedazione analgesica cosciente è un metodo semplice, non invasivo e privo di effetti collaterali che permette di affrontare qualsiasi seduta odontoiatrica in totale tranquillità.

Questo tipo di sedazione consiste nella somministrazione tramite nebulizzazione intra-nasale di un farmaco analgesico. Questo tipo di sedazione può essere usata per sottoporsi a qualunque trattamento odontoiatrico. Oltre che per gli interventi chirurgici, viene usata per pratiche come igiene dentaria, terapie canalari, cura della carie e della parodontite e interventi di implantologia.

È una tecnica diffusa e scientificamente riconosciuta che riduce nel paziente la percezione del dolore e il livello ansioso, lasciando il soggetto cosciente e lucido, senza causare alcun effetto collaterale. La sedazione analgesica cosciente è adatta a tutte le età e possono sottoporvisi anche i bambini.

Impianti osteointegrati: percentuale di successo, manutenzione, rischi

La completa osteointegrazione degli impianti dentali avviene con successo nella grande maggioranza dei casi.
Studi internazionali basati sulla valutazione scientifica e rigorosa di oltre 1200000 impianti hanno indicato che la percentuale media di successo è superiore al 98%.
Per i fumatori, la percentuale di successo si abbassa all’85%.

Occorre sottolineare che questo risultato è strettamente correlato al rispetto di un adeguato programma di controlli periodici e di igiene orale professionale (ablazione tartaro o detartrasi) pianificato dal dentista e dal paziente.

Gli impianti dentali non sono soggetti a carie, ma la scarsa igiene orale può portare allo sviluppo di perimplantiti, cioè di infezioni della zona circostante all’impianto che possono provocare la perdita dell’impianto stesso.

Cos'è l'implantologia dentale a carico immediato?

L’implantologia a carico immediato è una tecnica che permette la riabilitazione immediata, funzionale ed estetica della masticazione del paziente.

In sostanza, consente di uscire dalla clinica odontoiatrica lo stesso giorno dell’intervento con denti fissi sugli impianti appena posizionati.
Le metodiche di implantologia a carico immediato comprendono due tecniche comunemente usate: all on four e all on six. Letteralmente, significano “tutto su quattro” e “tutto su sei”.
Queste tecniche di implantologia dentale permettono di ripristinare una intera arcata dentale, posizionando soltanto 4 o 6 impianti. Con le tecniche all on four e all on six, gli impianti vengono posizionati in zone dove il tessuto osseo è ottimale.

La pianificazione pre-intervento è fondamentale, per garantire un’ottima risposta alle sollecitazioni masticatorie e una stabilità immediata dell’intera struttura.

Quanto costa un trattamento di implantologia?

I costi di implantologia dentale sono correlati al tipo di riabilitazione protesica che si sceglie di realizzare.
Nel corso del primo appuntamento presso una delle cliniche del circuito OdontoSalute, in accordo con il paziente, l’implantologo definisce il piano di cura e inizia a formulare il preventivo dei costi.

Talvolta, a causa di un’eccessiva perdita del tessuto osseo o per conformazione anatomica, può essere necessario un intervento di ricostruzione ossea e/o rialzi di seno mascellare.
Questa eventualità deve essere identificata prima del posizionamento degli impianti, durante la fase di valutazione da parte dell’implantologo.

Con l’ausilio di esami diagnostici, il professionista misura spessore, altezza e conformità del tessuto osseo. Gli interventi di ricostruzione e i rialzi di seno mascellare non impediscono il posizionamento degli impianti dentali, dato che lo scopo di queste operazioni preventive è fornire un adeguato volume osseo che garantisca la stabilità degli impianti.

Vuoi sapere di più? Contatta lo studio dentistico del network OdontoSalute più vicino, per prenotare il primo appuntamento. Il nostro personale sarà felice di fornirti tutte le informazioni necessarie.